In questo articolo approfondiremo tutte le informazioni visualizzate in un contatore del gas e di come posso tornare utili all’utente finale.

Chi non si è trovato mai dinanzi al proprio contatore del gas e non ha saputo dove mettere le mani per effettuare l’autolettura? In particolar modo nei contatori di ultima generazione sono diverse le informazioni fornite nel display del contatore.

<<Smart metering>> vengono chiamati, ovvero i contatori di ultima generazione, dei sistemi in grado di comunicare a distanza, fornendo diversi vantaggi, tra cui:

  1. Telecontrollo da remoto;
  2. Telelettura a distanza;
  3. Misurazione più precisa.

Il processo ha avuto inizio nel 2013 e ad oggi buona parte dei misuratori presenti in Italia è già stato sostituito!

Le informazioni sul display

Mentre nei vecchi modelli era possibile solamente effettuare l’auto-lettura, comunicando solamente i numeri individuati in nero a sinistra della virgola, nei contatori di nuova generazione è possibile premere alcuni tasti, sulla parte frontale del misuratore, per accedere a tutta una serie di informazioni.

I nuovi contatori elettronici, per minimizzare il consumo di energia, si trovano nello stato di spenti, ovvero con il display spento, e per attivarli sarà sufficiente premere il pulsante presente nella facciata del contatore. Così facendo si entrerà nel menu, dove sarà possibile visualizzare alcune informazioni, come:

  • Il consumo di gas;
  • Il codice PDR;
  • Lo stato della valvola;
  • La data della chiusura del periodo precedente;
  • La portata massima;
  • Eventuali problemi al contatore elettronico.

I menu possono variare a seconda delle diverse case produttrici, ma la prerogativa di questi contatori smart è proprio quella di un display digitale.

Tra le varie informazioni che troviamo nel display vi è anche quella relativa alla portata massima, ossia la quantità di gas che passa in un tempo preciso nel contatore, misurata in metri cubi.

Proseguendo nella lettura del display viene visualizzato anche il codice PDR, ovvero il punto di riconsegna, fornito dal distributore per identificare l’utenza. È composto da 14 cifre, ma è da non confondere con la matricola del misuratore.

Difatti la matricola è un numero che identifica univocamente l’apparato di misura, il PDR individua il punto di riconsegna, ovvero l’esatto punto dove avviene lo scambio tra il fornitore e il cliente finale.

Quando viene cambiato il contatore, il PDR resta sempre lo stesso, in quanto associato al punto di prelievo, viceversa il numero di matricola cambierà, essendo collegata al modello di contatore.

La matricola nei contatori tradizionali viene indicata con abbreviazioni del tipo “N.”, “Nr.” o “No.” ed è composta da 8-9 cifre, invece nei nuovi contatori elettronici il numero è preceduto da alcune lettere.

È possibile inoltre anche ottenere informazioni sullo storico dei consumi effettuati e sullo stato di apertura e chiusura della valvola del gas.

Infine l’informazione “stato valvola” serve proprio a capire se l’utenza è attiva o meno: sullo status “aperta”, significherà che la fornitura è attiva, viceversa “chiusa” l’erogazione del gas sarà chiusa.

Fasce orarie per il gas

Ti stai chiedendo se anche col gas esistono le fasce orarie per risparmiare?

La risposta è no e il motivo è anche abbastanza semplice.

Non esistono fasce orarie per il gas, in quanto è una risorsa che, a differenza dell’energia elettrica, si riesce a conservare, grazie alla funzione di stoccaggio.

Difatti l’energia elettrica non può essere conservata poiché va consumata, diciamo, nello stesso momento che è prodotta e per questo sono state create le fasce orarie per poter equilibrare i momenti di picco, favorendo i consumi giornalieri alle imprese e quelli serali alle utenze domestiche.

La Guida completa sul gas naturale

Se vuoi approfondire questo e altro sul mondo del gas scarica la Guida Definitiva sul Gas Naturale, dove avrai modo di scoprire non solo notizie e curiosità relative a questo combustibile, ma sarai guidato passo dopo passo e saprai come funziona l’intera filiera:

  • La storia del gas naturale.
  • La filiera completa di produzione e vendita.
  • Le agevolazioni sul gas.
  • Gli errori da evitare.
  • Le truffe a cui prestare attenzione.

Cosa aspetti?

CLICCA QUI PER SCARICARE LA GUIDA DEFINITIVA SUL GAS NATURALE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Resta aggiornato su tutte le novità del mondo dell’energia e scopri come non subire truffe e raggiri grazie alle Guide targate Energia ZeroTruffe.